Sanità animale

Unità Operativa Semplice

Direttore Area di Coord. di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Dr. Giancarlo Micarelli 335.8724 925 / 338.3846 667


cow b
area a

I piani di profilassi richiedono il coordinamento e l’efficienza dei Servizi Veterinari di Stato, Regioni, Istituti Zooprofilattici e AA.SS.LL ed Associazioni di categoria. Essi costituiscono un indicatore di efficienza e efficacia dei Servizi, non solo in ambito veterinario, ma per l’intera sanità pubblica. 

L’obiettivo è quello di eradicare attraverso il monitoraggio continuo le malattie trasmissibili degli animali indicate nelle liste 1, 2 e 3 della OIE al fine di ridurre le perdite economiche nel settore primario ed i rischi di zoonosi con conseguenti spese sanitarie a carico del SSN. 

La corretta gestione delle anagrafi zootecniche con la corretta identificazione degli animali produttori di alimenti per l’uomo sono alla base di tutti gli interventi di medicina veterinaria preventiva e costituiscono importanza fondamentale nel controllo di filiera e nella rintracciabilità 

Direzione del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica
Direttore Dott. 
  • Via Tenuta del Cavaliere n. 1 - 00012 Guidonia Montecelio (Rm)
  • Tel. 0774.358 9018
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PRESTAZIONI EROGATE

  1. Profilassi e prevenzione delle zoonosi e delle altre malattie infettive ed infestive a carattere diffusivo degli animali;
  2. Programmazione ed attuazione dei piani di profilassi obbligatori e facoltativi;
  3. Interventi di eradicazione delle malattie di interesse antropozoonosico e zoosanitario;
  4. Epidemiologia delle malattie infettive ed infestive;
  5. Gestione delle anagrafi zootecniche;
  6. Controllo sanitario sugli animali di provenienza comunitaria e da paesi Terzi;
  7. Accertamento delle cause di morte degli animali; - Vigilanza sulle fiere, mercati e concentramenti di animali in genere;
  8.  Sorveglianza epidemiologica delle popolazioni animali selvatiche;
  9. Gestione dei flussi informativi di sanità animale;
  10. Elaborazione di proposte per la formazione e l’aggiornamento del personale afferente alla disciplina;
  11. Individuazione delle tematiche e dei settori prioritari per i quali sviluppare iniziative di formazione e di educazione alla salute;
  12. Effettuare interventi formativi e di educazione alla salute in ambito lavorativo e scolastico;
  13. Instaurare e mantenere rapporti interdisciplinari con le strutture aziendali ed extraziendali.