Tutela igienico sanitaria degli alimenti di o.a.

Unità Operativa Complessa

Direttore Area di Coord. di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Dr. Giancarlo Micarelli 335.8724 925 / 338.3846 667


roast chicken on tray b
area b

L' attività ispettiva sugli stabilimenti CE è caratterizzata da una eterogenea realtà, in quanto insistono nel territorio di competenza della ASL stabilimenti di macellazione, di lavorazione e trasformazione delle carni, di trasformazione del latte, di lavorazione e stoccaggio dei prodotti della pesca e centro di spedizione molluschi, nonché il mercato del pesce a valenza nazionale. Su alcune tipologie di stabilimenti riconosciuti CE la normativa vigente prevede il controllo ufficiale almeno una volta al giorno od addirittura la presenza costante del veterinario.

Infatti gli alimenti prodotti o depositati in detti stabilimenti non essendo destinati al consumatore finale direttamente ma alla grande distribuzione necessitano di assidui e minuziosi controlli. Per molte delle prestazioni erogate presso tali strutture è necessaria una particolare specializzazione del medico veterinario. Oltre al controllo del prodotto finale il veterinario ispettore degli alimenti è diventato controllore di processo di lavorazione, vero momento di prevenzione di filiera, in applicazione delle nuove disposizioni comunitarie discendenti dal pacchetto igiene relative all'autocontrollo aziendale.
Non meno importante è l'attività espletata sulle strutture in sede fissa e mobile, con particolare attenzione verso le macellerie e le mense scolastiche e aziendali, presso le quali oltre al normale controllo viene effettuata un’ approfondita verifica del piano di autocontrollo aziendale ai sensi del nuovo metodo di controllo previsti dai regolamenti comunitari in vigore dal 1 Gennaio 2006.
In questo ambito notevole importanza viene poi attribuita al controllo delle etichettature dei prodotti alimentari, anche in considerazione che la tracciabilità dell'intera filiera, in un momento di grande rischio alimentare dovuto ad eventi quali la BSE, la diossina, le aflatossine, influenza aviare e varie altre allerte sanitarie. Il controllo della catena produttiva costituisce un'esigenza primaria per la salvaguardia della salute del consumatore e per la prevenzione di frodi commerciali e pubblicità ingannevoli. La recente vicenda legata alla BSE ha comportato in applicazione di disposizioni comunitarie e nazionali una maggiore attività presso i mattatoi e stabilimenti al fine della rimozione con conseguente deposito e smaltimento del materiale a specifico rischio. L’elevata movimentazione di derrate alimentari di origine animale sia in ambito comunitario che extracomunitario ha comportato un incremento dei controlli sanitari e documentali su tali merci in azione coordinata con l’Ufficio Veterinario Adempimenti Comunitari (UVAC).
Direzione del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica
Direttore Dott. Giancarlo Micarelli - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Via Tenuta del Cavaliere n. 1 - 00012 Guidonia Montecelio (Rm)
  • Tel. 0774.358 9018
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PRESTAZIONI EROGATE

  1. Rilascio pareri per l’istruttoria ai fini del riconoscimento e/o adeguamento igienico sanitario da parte della Regione alle normative comunitarie degli stabilimenti di lavorazione trasformazione e deposito di alimenti di O.A;
  2. Rilascio pareri su autorizzazioni di competenza del Sindaco per l’esercizio di attività soggette a vigilanza veterinaria;
  3. Vigilanza su macelli pubblici e privati nonché su macelli e laboratori autorizzati all’esposizione delle carni e dei loro derivati;
  4. Controllo ispettivo di tutti gli animali inviati alla macellazione;
  5. Ispezione e controllo delle carni macellate destinate alla distribuzione o alla trasformazione;
  6. Rilascio delle certificazioni per il trasporto del materiale specifico a rischio in partenza dagli stabilimenti di macellazione e trasformazione;
  7. Vigilanza igienico sanitaria, per quanto di propria competenza , sugli stabilimenti e sui laboratori di produzione, trasformazione, lavorazione, preparazione e confezionamento nonché sui depositi di sostanze alimentari di origine animale;
  8. Giudizio di commestibilità delle carni e degli altri prodotti di origine animale;
  9. Ispezione e vigilanza sugli stabilimenti ed esercizi ove si producono, conservano commercializzano e somministrano sostanze di origine animale per l’accertamento della salubrità dei prodotti;
  10. Vigilanza e controllo igienico sanitario sugli alimenti di origine animale e loro derivati di provenienza comunitaria e da paesi Terzi;
  11. Elaborazione e realizzazione dei progetti finalizzati rivolti alla qualificazione di interventi mirati sul territorio;
  12. Ispezioni, controllo e vigilanza sugli impianti , le tecnologie e mezzi impiegati nelle varie fasi;
  13. Elaborazione di proposte per la formazione e l’aggiornamento del personale sanitario, tecnico ed amministrativo;
  14. Educazione sanitaria delle maestranze adibite alla manipolazione dei prodotti di origine animale.